LA JINGLE BELLS WISHLIST DI VINCENZO MASCOLO

testata Enzo

Vincenzo, per gli amici Enzo, ex collega e grande confidente. Anche lui è stato coinvolto nel nostro progetto; sa mettere insieme le parole in modo magistrale e quando dobbiamo scrivere qualcosa di importante non varchiamo mai la porta senza il suo giudizio. Grande amico, rinominato da Ellis anche come il suo personale “Insegnante di vita” (cosa che non gli piace molto, a dire il vero). Malato di Juve, è anche grande appassionato di letteratura, musica, cinema e teatro. Se non sapete il significato di una parola chiedete a lui. Se amate Yelp, seguitelo! Qui, tutte le sue recensioni. Tra una passeggiata e l’altra per le vie di Milano, Enzo in pochi attimi sa trasportarmi in altre dimensioni grazie alla sua scrittura. Una persona importante che resterà sempre vicino a Ellis e al suo Carillon! Tempo di goderselo:

È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti. Io vorrei un dicembre a luci spente e con le persone accese”.

Ecco il mio Natale, per bocca di Charles Bukowski.

Quando si cresce Natale perde un po’ della sua magia. Da piccoli è qualcosa di miracoloso. Ecco, per Natale, in cambio di quello stupore infantile, darei volentieri un po’ di cose materiali.

Anche quella frase di Capossela fa al caso nostro:

“Attenzione a quello che desideri che poi è capace che si avvera”.

Quindi bisogna andarci piano con questo gioco dei desideri: potremmo fare disastri.

Comunque ecco i miei:
Per il Natale, come ogni anno, mi propongo di cambiare vita. Vorrei che quest’anno i buoni propositi arrivassero integri, senza essere “scartati”, almeno fino all’Epifania.

Le scarpe della Camper – Peu

camper shoes

La bici Pinarello_Diesel

bicicletta

L’Agriturismo in Toscana?

No, vorrei aprire una panuozzeria a Milano

panuozzo

Trovare più tempo per stare in contatto con la natura.

Vorrei che gli italiani imparassero quando si usa l’apostrofo con “un” prima della vocale.

Vorrei la resurrezione di Massimo Troisi e, già che ci siamo, pure quella di Pasolini.

Vorrei che quelli di Lotta Comunista cambiassero grafica e linguaggio del loro giornale e soprattutto non me lo portassero più fino a casa, anche se mi sono simpatici.

Ah, poi come desiderio finale, il più banale di tutti, ho voglia di innamorarmi!

Sotto il cielo stellato, una grande stella! Il Party di Tessabit & Flair

Ve l’avevo promesso ed adesso eccomi qui a raccontarvi il party al quale sono stata invitata il 29 Novembre. Ero nel bellissimo Store Tessabit, nel cuore di Como, in Piazza Cavour per un cocktail esclusivo. E’ stata una bella occasione per conoscere tante persone simpatiche e per toccare con mano splendidi abiti delle migliori griffe. Occasione anche per sfogliare Flair, la prestigiosa testata di moda, arte e cultura, con la nuova veste grafica.

Party Tessabit per Flair

Party Tessabit per Flair

Party Tessabit per Flair

DSC_4940

Party Tessabit per Flair

Party Tessabit per Flair

Party Tessabit per Flair

Infatti, le hostess hanno distribuito a ciascun invitato una copia della rivista accompagnata da coloratissimi braccialetti Cruciani. Poi un grande buffet sotto un tappeto di led colorati era a nostra disposizione, per non parlare dell’ottimo vino servito da Enoteca Soldati. Una grande festa per tutte le affezionate clienti ma anche per noi ospiti speciali.

In una sera stellata dal vento tagliente c’era il calore e il sorriso delle persone a riscaldarci dal primo freddo. Questo Xmas party è stato un vero successo!

Ma ora veniamo noi. Non ho perso il pretesto di innamorarmi follemente degli abiti. In particolare sono stata colpita da un abito MSGM in pizzo color bianco/oro dal design semplicemente anni 60. Insomma sono sincera sarei scappata nei camerini a provarmelo! Poi questa gonnellina qui e anche questa qui, a sbuffo. Okey, avrei comprato tutto!

Party Tessabit

Party Tessabit

Party Tessabit

Party Tessabit

Party Tessabit

Eccolo! L’amour de mi vie! (mamma recepito il messaggio?)

Party Tessabit

Party Tessabit

Party Tessabit

Party Tessabit

Voi non ci crederete ma questo non è nulla rispetto quello che potete trovare nei negozi Tessabit a Como. Per darvi un’idea andate qui e iniziate a scegliere la vostra maison preferita e l’abito dei vostri sogni!

A parte queste belle cose la cosa più speciale in assoluto è stata l’accoglienza della Famiglia Tessabit e i sorrisi e gli abbracci a profusione che hanno regalato a tutti noi. Grazie!

Adesso è tempo di postare qualche scatto di tutte le persone che abbiamo conosciuto!

Party Tessabit

Party Tessabit

Party Tessabit

Party Tessabit

Party Tessabit

Party Tessabit

Party Tessabit

io e Sana - Party Tessabit

Party Tessabit

Party Tessabit

Party Tessabit

Adesso non ci resta che andare a fare shopping! E se Como per voi è lontano potete approfittare del loro vastissimo shop on line!

Guardate quanti spunti:

Vestitino Felpa di MM6 BY MAISON MARTIN MARGIELA

Schermata 2012-12-05 a 22.28.52

Abito con inserti in pizzo di DOLCE & GABBANA

Schermata 2012-12-05 a 22.35.09

Cappottino arancio con cappuccio e pelo di BURBERRY BRIT

BURBERRY BRIT

 e per finire la simpaticissima e divertente

Felpa Smile di NIL&MONNIL&MON'SMILE' SWEATSHIRT

Ciao Ragazze e buono shopping a tutte!
Ah! Dimenticavo! Per l’uomo trovate tutto qui! Wow!
party ricordo
PS: Grazie Tom!

LA JINGLE BELLS WISHLIST DI LAURA MANFREDI

Laura, è una recentissima amica di Ellis e Carillon. E’ stata subito contattata dalla qui presente dopo aver letto alcuni suoi pezzi. Ci siamo conosciute davanti a un thè con i biscotti in un giorno di sole. Laura mi ha raccontato un sacco di cose di lei e mi piace. Mi piace, non solo per il post che poi ha scritto per noi. Ci era già piaciuta perchè la ragazza non ha peli sulla lingua, perchè poi è una mamma che concilia lavoro e vita famigliare, perchè è curiosa ed è affamata di novità e scrive da dio. In poche ore ci siamo raccontate da cima a fondo. E credo proprio che ci saranno altre occasioni per creare un rapporto. Abbiamo chiesto anche a lei di raccontarci i suoi desideri. Sapevamo che avrebbe avuto qualcosa di molto interessante da dirci! Ecco a voi:

Elaborata con grande difficoltà: son donna molto pratica, che vive del qui ed ora, più che sui desideri del domani.
Ne ho alcuni grandiosi, forse scontati, ed in questi giorni disperati. Come la pace in ogni dove, la cura e l’attenzione per i più deboli, la soluzione alla crisi che attanaglia troppe famiglie…finirei fra dieci anni.
Andando sul realizzabile, ed in tempi decorosi:

Desidero che anche quest’anno il Natale porti un po’ della sua magia. Nella tavola perfettamente decorata ed imbandita di mia madre, nelle canzoni di Dean Martin, Frank Sinatra e Bing Crosby, nelle lucine sugli alberi pieni di festoni e palline. Ne vado pazza, ed attendo sempre trepidante.

Vorrei 48 ore al giorno, od un mio perfetto clone. Ah… già… avevo promesso un filone di desideri realizzabili! Allora, vorrei diventare sempre più maestra dell’arte di organizzarmi, farmi in quattro, fare i tripli carpiati per dare il meglio di me stessa, in ogni frangente.

Vorrei smettere di fumare. Per sempre. Possibilmente senza diventare un leone marino.

Vorrei tantissimo il Kitamo di Eva Dub

un altro cuscino di Carillon Design, a fare compagnia al mio “la vie en rose”  

(grazie Laura!! ❤ )

una borsa Bruno Parise

un bracciale di Bisou Bijoux

un abito Raptus&Rose (anche qui a far compagnia al primo),

un… Ellis, mi accorgo che potrei finire, anche in questo caso, fra un anno. E ricado nell’impraticabile. Te lo dicevo: le wishlist non sono cosa per me.

Vorrei successo a catinelle per i miei designers preferiti, quelli che seguo con più attenzione, e con cui ho creato un legame affettivo e di rispetto al di là dei singoli articoli sul mio blog. Vorrei per tutti che si aprisse chiaramente la strada per un interesse di massa ad una moda che sappia dirsi critica, etica, fatta di piccoli gesti e non di produzioni industriali.

Vorrei trovare la pazienza di sopportare, al contrario, i creativi da “libro nero”. Ci sto lavorando…chissà se mai ci arriverò. Che le buone maniere sono scomparse ovunque. Tanto più velocemente sul web.

Vorrei pubblicare un libro. Magari sul bon ton ai tempi di internet?

L’idea del Libro è una super idea! Laura l’aspettiamo con ansia 🙂

Ah poi ragazze il suo blog è carinissimo! Si chiama “Shop Teraphy” ed è un continuo di spunti per fare acquisti interessanti ed unici. Iniziate a seguirla anche sulla sua pagina FB.

Adesso vi salutiamo, grazie Laura ci vediamo presto presto presto!

LA JINGLE BELLS WISHLIST DI ELLIS // #1

Ho così tante idee per questo natale 2012 che la mia Wishlist sarà suddivisa di diversi post! Esagerata? In realtà vorrei darvi degli spunti originali e il tempo stringe! Anche se poi in cima alla classifica di tutti questi oggetti e cose carine c’è solamente la serenità. Vi sembrerà una cosa molto scontata, ma davvero è quello che desidero. Diciamo che un natale come quello che ho sempre avuto per me sarebbe già il top. Con la mia famiglia, le mie cugine e i miei nipotini tutti in taverna a mangiare per 3 giorni, e lo desidero ancora con la tranquillità e il calore di questi anni. Ma adesso passiamo ai consigli per gli acquisti, siete pronte ragazze?

PARTIAMO SUBITO CON:

Leggings di LovelySally – 100% Made in Italy

oppure quelli con Topolino?

la borsetta a righe di TL – 180 di Luisa Orsini e Antonine Peduzzi

(VADO MATTA! messaggio subliminale per mia sorella – ti voglio tanto bene lo sai!)

un’infinità di cucchiaini Sabre Paris per dare colore alla mia tavola! questi li potete trovare da Oltolini in Ticinese 89 a Milano

e poi per chiudere, per oggi eh…

il cuscino da terra di Woouf! a forma di valigia! WOW!

LA JINGLE BELLS WISHLIST DI LAURA

E’ l’amica di sempre e la compagna di marachelle fin dalle medie; il suo nome è Laura! Eravamo piccole e lei mi invitava nel suo salotto a vedere film dell’horrore, mentre io avevo ancora voglia di giocare alle Barbie! Una volta abbiamo anche mangiato i Pop Corn con la nutella e di notte quando tornavamo a casa dalla discoteca divoravamo saccottini al cioccolato e amichetti del mulino bianco… Siamo sempre state due “buone forchette”! Laura in tutti questi anni è diventata un punto di riferimento concreto per Ellis che l’ha idealizzata più che altro come “bocca della verità”! Anche lei, in qualche modo viene continuamente coinvolta in Carillon Design con consigli e aiuti. Spesso è lei che prepara la valigia insieme a noi! E’ venuta a Bergamo al Band Loch e anche a Roma al Mercato Monti! Laura è una ragazza molto determinata che ha il fiuto giusto per gli affari. E’ un’ottima ricercatrice di grandi offerte su internet ed è appassionata di muffin e musica. Ama andare ai concerti e fare shopping, soprattuto a New York! Ora sentiamo cosa ha scritto per la sua Wishlist? Oh yes!

Per me il Natale più che un giorno di festa è uno stato mentale. Mentre tutti sono presi dalla corsa ai regali e dall’abbuffata della vigilia il mio Natale è in casa. Sul divano, in pigiama e in vestaglia scozzese con una bella tazza di the e biscotti al burro. Mi piace guardare il camino che scoppietta e il riflesso delle lucine di Natale sulle palline d’oro e rosse dell’albero. La ciliegina sulla torta, caramellata possibilmente, è la neve! E’ ammirare i fiocchi cadere fuori dalla finestra e stringersi sotto il plaid.

Io vorrei una casa con vista sull’oceano

La statuetta della regina elisabetta che saluta con la mano

La prima Kelly di Hermes 

Un Bulldog

Essere catapultata nella parigi degli anni 20 come Midnight in Paris, oppure andare a Hogwarts con Harry Potter e un voucher viaggi illimitato!

Grazie Laura da Ellis e Carillon, in memoria anche delle nostre disavventure con i criceti 😉

LA JINGLE BELLS WISHLIST DI ALESSIA

C’era un volta, un bar, un vecchio lavoro e tante chiacchiere. Con Alessia, tra un caffè e l’altro, abbiamo passato tanto tempo insieme: è stata una delle prime a cui abbiamo svelato il nostro progetto. Dolce ed ambiziosa, oggi sta facendo molta strada nel Fashion System come Digital Pr. Difficile non rimanere affascinati dal suo style e dal suo carisma. E’ anche grazie a lei e alle Lovers, Lucy e Vicky, che Carillon Design si è presentato, per la prima volta, al pubblico milanese durante uno dei loro eventi: il “Lovers go Bizzarre”, market ricercato e divertente. Potete seguire le Lovers cliccando qui.

Ora godetevi cosa ha scritto per noi e la sua wishlist!

Generalmente non amo il Natale, non sono una persona particolarmente venale, apprezzo quel che ho e non cerco nel Natale l’appagamento di bisogni ma certamente quello che adoro è farmi stupire. Anche un pensiero piccolissimo, ma che è fatto con sentimento mi riempie più di una 2.55 di Chanel (forse). Nonostante questo, come ogni ragazza ho qualche sogno del cassetto che spero di trovare sotto l’albero, ma anche un giorno qualsiasi dell’anno andrebbe bene…

 Un gattino tigrato che chiamerei Ercole

Un volo per raggiungere a San Paolo il mio amore in fuga

Un filo di luci nuove che ripari il cuore luminoso che illumina la mia stanza le sera

Un paio di luccicanti glitter pumps di MiuMiu 

Un Supreme snapback hat fiorato

Il mio profumo Jo Malone – Anice e Vaniglia

Vorrei ricevere il potere del “pollice verde” e che le piante in casa e sul balcone durino sempre

L’iscrizione alla “cassetta bio” di frutta e verdura di stagione che arriva a casa ogni settimana

Il biglietto aereo per almeno un week-end di fuga al mese

Grazie Ale, per la tua Wishlist! Ci vediamo presto! ah! ragazze! Se volete curiosare tra le meravigliose Colazioni di Alessia guardate qui.

Apriamo una nuova rubrica // Jingle Bells Wishlist //

Tra poco è natale! Noi abbiamo già diverse idee su cosa ci piacerebbe trovare sotto l’albero! Abbiamo pensato che sarebbe carino condividere con voi non solo la Wishlist di Carillon Design ma anche quella dei nostri amici. Quelli che da tempo ci sono, ci consigliano e ci sostengono. Insomma pensiamo che possa essere carino condividere con voi tante idee diverse. Siete Pronti? Noi sì!

Bruxelles mon amour!

C’è post-a per voi! Siamo tornate da Bruxelles!

Viaggio lampo con poco tempo ma vissuto intensamente che ci ha comunque potuto far assaggiare l’atmosfera della città. E quando parliamo di assaggi parliamo di vere e proprie degustazioni. Nelle prime ore di sabato pomeriggio siamo state calme, poi abbiamo iniziato verso sera con biscotti, birra, cioccolatini, per finire con una deliziosa cena in un ristorante tipico che si affacciava direttamente sulla Grand Place. Abbiamo assaggiato le loro deliziose cozze alla marinara con patatine fritte e abbiamo concluso con un alcolico liquore: il Madarine Napoleon!

Ma Bruxelles non è soltanto delizie e leccornie ma anche un posto magico a partire dalla popolazione, vicoli gremiti di giovani e svariate coppie di innamorati. Un popolo socievole e pronto ad accogliere i turisti, anche se, dobbiamo essere sincere, qualche commerciante non è propriamente stato ospitale con noi. Un paese, poi, che sembra non subire l’effetto della crisi economica a partire dai negozi e dalle numerose famiglie con bambini in giro per la città. E’ bello ritrovare tanti shop di giocattoli ma non solo, tantissime le librerie anche quelle interamente dedicate ai fumetti e al mondo dell’illustrazione. Una città ricca anche di architettura e di numerose abitazioni in Art Nouveau. Insomma si possono passare delle ore con il naso all’insù! Fantastici i fumetti sulle pareti dei palazzi e magnifiche le finestre in vetro e ferro battuto accompagnate da disegni in motivi floreali. Ne avremmo di cose da raccontarvi ma ora vogliamo farvi vedere qualche chicca, qualche suggerimento da non perdere, nel caso anche voi abbiate voglia di trascorrere un week end lì.

Con cosa iniziamo? Mh.. partiamo dai fumetti!

1

Voi lo sapevate che Tintin è nato proprio lì? Poi Steven Spielberg ci ha fatto anche un film nel 2011: “Le avventure di Tintin – il segreto dell’unicorno

“L’Unicorno è fatto della stessa sostanza dei sogni… i sogni dei bambini!” cit.

Nei vicoli abbiamo anche incontrato un po’ di Street Art – Roa

2

Libreria e galleria dedicata ai fumetti e a libri per bambini: Brusel

3

Assaggiare le Fragole con il cioccolato da Godiva e poi potrete anche gustare le loro praline che sono famose in tutto il mondo.

I negozi di cioccolato sono tantissimi a Bruxelles, avrete l’imbarazzo della scelta! Noi non osiamo immaginare le loro vetrine sotto il periodo Natalizio!

4

Fare tappa all’Atomium e per un attimo avere la sensazione che una di quelle grandi sfere giganti vi caschi in testa!

5

Noi lo segnaliamo ma ricordate: ogni strada porta a Grand Place!

6

Bere birra, no anzi bere le birre! Fare un’accurata degustazione delle birre Belghe è uno dei motivi per la quale tornerete nuovamente in questa città!

7

Fare shopping qui: Mr. Ego – giovani marchi e splendidi abiti per ragazzi e ragazze!

Questa città, poi, ci è sembrata dal primo istante un mix di altri paesi, voi cosa ne pensate?

Parigi o Bruxelles?

o il Giappone!?

Puffolandia o negozio di giocattoli?

Campo dei fiori o Gran place?

Ricordate che se volete seguire Ellis e Carillon su Instagram basta digitare: CARILLONDESIGN.

CIAO E TORNIAMO PRESTO!